Condizioni Generali - Informativa Marchio Registrato ®

Tutti i prezzi esposti sono espressi in euro e si intendono comprensivi di IVA. Tutti gli articoli vengono spediti sotto forma gratuita su tutto il territorio nazionale, fatta eccezione per alcuni prodotti per cui è previsto un piccolo contributo. Eventuali spedizioni internazionali verranno quantificate secondo il luogo di destinazione.

Qualsiasi informazione riportata su restaurantstore.it potrà essere modificata senza alcun preavviso. Lo stesso vale per i prezzi degli articoli in vendita, fatta eccezione per gli ordini in corso.

Il Cliente, con l'invio della conferma d'ordine attraverso il modulo di acquisto, accetta totalmente le condizioni di vendita da noi indicate.

E’ vietata la riproduzione, anche parziale, di tutti i testi, disegni e foto presenti su restaurantstore.it senza l’autorizzazione della Direzione.

I giorni indicativi di evasione dell'ordine sono sempre contrassegnati nella scheda dell’articolo stesso. Alcuni prodotti, invece, vengono realizzati esclusivamente su ordinazione. I tempi di evasione possono, in alcuni casi, subire variazioni secondo la tipologia di articolo acquistato o a causa di ritardi nella produzione non imputabili a noi.

Restaurant Store si impegna a specificare, al momento dell’acquisto, la data di spedizione del prodotto se non dovesse essere disponibile immediatamente o se la data di approntamento dovesse differire notevolmente dai giorni indicati nella scheda. Il Cliente ha poi la facoltà di decidere se attendere o se procedere con la cancellazione dell’ordine totale o parziale.

I giorni di consegna verranno calcolati a partire dalla data di ricevimento del pagamento.

In alcuni casi si potrebbero riscontrare leggere differenze estetiche fra il prodotto ricevuto e quello esposto su restaurantstore.it. Tali differenze sono imputabili alle aziende fornitrici che, senza preavviso, possono modificare la propria linea produttiva.

Informativa Marchio Registrato ®

Restaurant Store® risulta essere un marchio registrato sia in forma verbale che figurativa, ogni riferimento o copia non autorizzata verrà quindi perseguita secondo la legge vigente a tutela della Società titolare dello stesso.

Estratto dal Regio decreto 21 giugno 1942, n. 929 (in Gazz. Uff., 29 agosto, n. 203). - Testo delle disposizioni legislative in materia di marchi registrati

Articolo 1
1. I diritti del titolare del marchio d'impresa registrato consistono nella facoltà di far uso esclusivo del marchio. Il titolare ha il diritto di vietare ai terzi, salvo proprio consenso, di usare:
a) un segno identico al marchio per prodotti o servizi identici a quelli per cui esso è stato registrato;
b) un segno identico o simile al marchio registrato, per prodotti o servizi identici o affini, se a causa dell'identità o somiglianza fra i segni e dell'identità o affinità fra i prodotti o servizi, possa determinarsi un rischio di confusione per il pubblico, che può consistere anche in un rischio di associazione fra i due segni;
c) un segno identico o simile al marchio registrato per prodotti o servizi non affini, se il marchio registrato goda nello Stato di rinomanza e se l'uso del segno senza giusto motivo consente di trarre indebitamente vantaggio dal carattere distintivo o dalla rinomanza del marchio o reca pregiudizio agli stessi.
2. Nei casi menzionati al comma 1 il titolare del marchio può in particolare vietare ai terzi di apporre il segno sui prodotti o sulle loro confezioni; di offrire i prodotti, di immetterli in commercio o di detenerli a tali fini, oppure di offrire o fornire i servizi contraddistinti dal segno; di importare o esportare prodotti contraddistinti dal segno stesso; di utilizzare il segno nella corrispondenza commerciale e nella pubblicità (1).
(1) Articolo così sostituito dall'art. 1, d.lg. 19 marzo 1996, n. 198.

Codice Penale
Art. 473. - (Contraffazione, alterazione o uso di marchi o segni distintivi ovvero di brevetti, modelli e disegni). - Chiunque, potendo conoscere dell'esistenza del titolo di proprietà industriale, contraffà o altera marchi o segni distintivi, nazionali o esteri, di prodotti industriali, ovvero chiunque, senza essere concorso nella contraffazione o alterazione, fa uso di tali marchi o segni contraffatti o alterati, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da euro 2.500 a euro 25.000.